Tempo per la lettura: < 1 minuto
Museo della Fiaba Sarda (Boroneddu)

Il Museo della Fiaba Sarda, raccoglie un importante patrimonio tipico della cultura agra-pastorale della Sardegna ovvero la fiaba e il racconto orale, raccontate ed impreziosite da immagini e rappresentazioni. Nei locali del museo potremo quindi trovare rappresentazioni di questi racconti fatte con incredibili illustrazioni disegnate ad acquerello ed esplicate da una serie di opuscoli. Immancabile il tetro dei burattini, allestito all’interno del museo e dedicato alla rappresentazione di svariate fiabe.

Gli spettatori potranno quindi rivivere le vicende di personaggi quali Maschinganna, le Janas, Luxia Arrabiosa, Pulighitta e tanti altri. Da notare come gli ambienti stessi delle varie rappresentazioni abbiano un’importanza fondamentale nella cultura sarda e rappresentino spesso il vivere tradizionale di un tempo,come ad esempio il “ pinnettu ” cioè il caratteristico rifugio di montagna di pastori e contadini.

Incredibili le rappresentazioni di lavori quotidiani, come fare il pane o tessere al telaio, realizzate grazie a espedienti scenografi, manichini, e pannelli illustrati ad acquerello. Il Museo della Fiaba Sarda rappresenta una tappa importante non solo per chi vuole conoscere un’importante espressione della storia agro-pastorale sarda ma anche per chi, semplicemente, cerca una giornata all’insegna dello svago e del divertimento.

Dove si trova

Il Museo della Fiaba Sarda è situato in via Savoia n° 1, nel comune di Boroneddu, in provincia di Oristano.

Come arrivare al Museo della Fiaba Sarda

Per raggiungere il museo partendo dalla sede comunale di Boroneddu si deve percorrere l’antistante via Del Ponte in direzione sud fino all’incrocio con via Savoia. Si deve svoltare a sinistra e percorrere la via per 200 metri fino ad arrivare a destinazione.

Potrebbe interessarti

25/01/2015

Carcere dell’Asinara

La colonia penale agricola dell’Asinara nacque quasi per caso alla fine del Diciannovesimo secolo, con la revisione delle colonie penali avvenuta dopo l’unità d’Italia....