Azzera mappa
Costume sardo di Tempio Pausania

Dal Festival Internazionale del Folklore alle altre tradizionali feste e sagre dell’isola, il costume sardo di Tempio Pausania, della nuova provincia gallurese di Sassari, viene indossato dai gruppi folk della citt√† nelle caratteristiche sfilate che vedono protagonisti, in tutta la loro magnificenza, i costumi tipici della Sardegna.

Abito tradizionale femminile

Due sono le varianti dell’abito tradizionale femminile del costume sardo di Tempio Pausania: quella rossa, giornaliera o festiva, e quella nera somigliante a un abito da monaca, anticamente usata in occasione di cerimonie. La donna che veste la prima versione del costume tradizionale indossa un copricapo bianco composto da un fazzoletto (lu cenciu) e una cuffia (lu scuffiottu); una camicia bianca (la camiscja); un corsetto di seta (l’imbustu); un giubbetto rosso e una gonna rossa a pieghe con balza alta decorata e bordo inferiore rosso. L’abito tradizionale nero della donna tempiese √® di seta con un pizzo bianco a coprire la testa e il collo, la gonna nera (la faldetta cupaltata) e il velo nero che cade sulle spalle molto simile a quello delle suore.

Abito tradizionale maschile

L’abito tradizionale maschile del costume sardo di Tempio Pausania comprende il copricapo di panno nero (la berritta); la camicia di tela bianca ricamata sul collo e nei polsi chiusi da gemelli in oro o in argento (la camiscja); il gilet a doppiopetto in panno nero smanicato o rosso con decorazioni in velluto e maniche aperte all’interno (lu canscju); i calzoni bianchi (li mutandoni) rimboccati dal ginocchio nelle ghette nere in orbace (li ghetti); il caratteristico gonnellino nero in orbace (lu gonnellinu) e il cappotto nero con cappuccio anch’esso in orbace (lu gabbanu).

 
 
   
 
 

Rimani aggiornato...

Newsletter

Seguici su...