Tempo per la lettura: 2 minuti
Museo d’Arte Contemporanea (Buddusò)

Il Museo d’Arte Contemporanea di Buddusò è nato dall’esigenza di creare uno spazio per accogliere le opere degli artisti contemporanei che qui lavorarono a partire dal 1984, in occasione dei Simposi di Scultura organizzati dal comune. Buddusò è famoso per le sue coltivazioni di alberi da sughero e per il granito, con il quale sono stati costruiti la maggior parte degli edifici della città. Proprio questi due materiali sono i principi dell’esposizione.

All’interno dei locali del museo sono raccolte le opere più piccole, come sculture a bassorilievo e a tuttotondo in legno di castagno sardo, mentre all’esterno, nel parco che circonda la sede museale e per le vie del paese, sono dislocate le sculture in granito di grandi dimensioni.

Durante il Simposio di Scultura, che solitamente viene organizzato nelle ultime due settimane di giugno, lo spettatore ha la possibilità di seguire l’intero processo creativo, di parlare con l’artista e di confrontarsi con altri appassionati. Un’occasione unica per entrare a contatto con l’arte: l’opera non è più solo qualcosa di bello da guardare, ma un modo per entrare in comunicazione con la componente più creativa di se stessi e dell’animo umano.

Il Museo d’Arte Contemporanea organizza delle visite guidate che comprendono il percorso museale e il villaggio nuragico e i dolmen di Su Laccu e Sos Monimentos.

Dove si trova

Il Museo d’Arte Contemporanea è situato sulla S.S. 389 di Buddusò e del Correboi, ovvero il prolungamento di c.so Antonio Segni in località Donu Reale, nel comune di Buddusò (provincia di Sassari)

Come arrivare al Museo d’Arte Contemporanea

Per raggiungere il museo, partendo da Tempio Pausania, si deve percorrere la SS127 Settentrionale Sarda in direzione SS389 di Buddusò e dei Correbuoi. Una volta usciti da Tempio Pausania, si segue la SS127 per 29,7 chilometri, quindi si svolta a destra in SP147. Si prosegue per 10,7 chilometri e si svolta a sinistra in SS389. Si prosegue per 38,7 chilometri, si svolta a sinistra e dopo circa 80 metri si è arrivati a destinazione.

Potrebbe interessarti

25/01/2015

Carcere dell’Asinara

La colonia penale agricola dell’Asinara nacque quasi per caso alla fine del Diciannovesimo secolo, con la revisione delle colonie penali avvenuta dopo l’unità d’Italia....