Tempo per la lettura: 2 minuti
Museo d’Arte Siamese Stefano Cardu (Cagliari)

Il Museo d’Arte Siamese Stefano Cardu è uno dei più importanti centri museali europei dedicati all’arte del Siam (attuale Thailandia). I reperti della collezione sono stati donati al sistema museale cagliaritano nel 1914 dal collezionista Stefano Cardu, che li acquistò durante la sua lunga permanenza in Siam e durante i suoi viaggi che lo portarono in Cina, Giappone e India.

La collezione è composta da oggetti sacri come statuette e suppellettili e strumenti di uso quotidiano dal grande valore artistico. Si segnalano, per esempio, i pregiati netzuke giapponesi, piccole statuette in legno o avorio usate per legare i cordoni del kimono, vasi risalenti alle dinastie cinesi Ming e Qing, una nutrita sezione dedicata alle monete orientali e un’importante e unica raccolta di armi.

Il Museo d’Arte Siamese Stefano Cardu si è ulteriormente arricchito tra il 2009 e il 2011 grazie allo studioso orientalista Ruben Fais, che ha curato e gestito il prestito permanente della collezione Canese, una preziosa raccolta d’arte religiosa e buddista birmana, che comprende manoscritti, vasi e statuette risalenti all’epoca Konbaunb (1752-1885). Per chi lo desidera, è possibile prenotare delle visite guidate e laboratori ludico didattici per bambini fino ai 14 anni.

Dove si trova

Il Museo d’Arte Siamese Stefano Cardu si trova all’interno della Cittadella dei Musei in via Arsenale n° 1 nel comune di Cagliari, centro dell’omonima Città Metropolitana.

Come arrivare al Museo d’Arte Siamese Stefano Cardu

Per arrivare al museo civico, partendo dall’aeroporto di Cagliari, si deve partire da via dei Trasvolatori e imboccare la SS130 dell’Iglesiente, in direzione Pula/Cagliari Centro. Si percorre quindi la SS130 per un chilometro e si continua poi dritto su via Elmas per 2,7 chilometri. Si svolta quindi a sinistra, in via San Michele, e si prosegue per 2,2 chilometri. All’altezza dei Giardini Pubblici si svolta a sinistra e si entra in viale San Vincenzo. Dopo 850 metri si alla rotonda si prende la seconda uscita e si entra in via Ubaldo Badas. Si prosegue per 240 metri e si è arrivati a piazza Arsenale, ove si trova l’ingresso per la Cittadella dei Musei. Si entra nella Cittadella a piedi e si prosegue fino in fondo al viale, e si è arrivati a destinazione.

Potrebbe interessarti

25/01/2015

Carcere dell’Asinara

La colonia penale agricola dell’Asinara nacque quasi per caso alla fine del Diciannovesimo secolo, con la revisione delle colonie penali avvenuta dopo l’unità d’Italia....