Azzera mappa
Museo Archeologico Comunale Sa Domu Nosta (Senorbì)

Il Museo Archeologico Comunale Sa Domu Nosta, raccoglie ed espone i reperti rinvenuti nella zona del comune, intensamente abitata sin dal passato più remoto, si trova in una casa padronale risalente ad inizio Ottocento. Il percorso si articola lungo due sale.

La prima sala espone manufatti risalenti a un periodo compreso fra il Neolitico (III millennio a.C.) e il Medioevo (XIV secolo). E proprio da abiti indossati in epoca medioevale dagli spagnoli pare derivi il costume tradizionale del paese. Si passa poi alle vetrine dedicate alla Preistoria (oggetti in pietra e in ceramica) a quelle della civiltà nuragica, fino a terminare con le teche dedicate all’epoca fenicia e punica e ai reperti extra isolani che testimoniano l’abbondate importazione di manufatti greci e centro-italici.

Meno ricca di materiale è la sezione riguardante l’epoca medievale, ma questo semplicemente perché all’epoca la presenza umana sul territorio si fece più rada, e non vi erano che pochi borghi, solitamente raccolti attorno ai santuari.

La seconda sala ospita i reperti rinvenuti durante lo scavo della vicina Necropoli di Monte Luna dove, tra il V e il III secolo a.C., vennero sepolte le genti sardo-puniche che abitarono l’antistante collina di Santu Teru. Dalle camere ipogee arrivano i monili e il vasellame che accompagnavano il viaggio dei defunti, così come gli amuleti incaricati di proteggerli, i più diffusi dei quali, secondo un’usanza di origine egizia, hanno forma di scarabei.

Dove si trova

Il Museo Archeologico Comunale Sa Domu Nosta è situato in via Scaledda n° 1 nel comune di Senorbì (provincia del Sud Sardegna).

Come arrivare al Museo Archeologico Comunale Sa Domu Nosta

Per raggiungere il museo archeologico, partendo dalla stazione dei treni di Senorbì in via Brigata Sassari, si deve procedere in direzione nord e dopo 110 metri svoltare a sinistra in via Giuseppe Atzeni. Dopo 180 metri si svolta a destra, in SP6.2, e dopo 200 metri si svolta a destra in via Scaledda. Si procede per una sessantina di metri e si è arrivati a destinazione.