Tempo per la lettura: 2 minuti
Sella del Diavolo (Capo Sant’Elia)

La Sella del Diavolo, situata nella località di Calamosca, appartenente al territorio comunale di Cagliari, è una caratteristica incavatura del promontorio di Capo Sant’Elia, costituita da rocce sedimentarie e collocata tra la spiaggia del Poetto e quella di Calamosca.

Affacciata sul Golfo di Cagliari, la Sella del Diavolo deve il suo nome a una leggenda secondo la quale i demoni, guidati da Lucifero, tentarono di impossessarsene scontrandosi con gli angeli inviati da Dio e comandati dall’arcangelo Michele.

Durante la violenta battaglia, secondo la versione più conosciuta della storia, Lucifero in fuga venne disarcionato e perse la sella che cadde sulle acque del golfo, pietrificandosi e dando origine al promontorio; mentre altre teorie narrano che il demone in persona cascò sul rilievo roccioso, conferendogli la forma attuale, o che in preda all’ira funesta scagliò lui stesso la sella contro il Capo di Sant’Elia.

Gli angeli ebbero dunque la meglio e continuarono ad abitare la baia, chiamata per questo anche Golfo degli Angeli, assolvendo il loro compito e vegliando sulle sue acque. Sulla Sella del Diavolo sono tuttora presenti – vicino a un pozzo romano dalla struttura tronco-conica – i resti di una cisterna punica di notevoli dimensioni, dalla forma prolungata, con una lunghezza di quasi trenta metri e una profondità di quattro metri e mezzo circa.

Sul punto più elevato del promontorio di Sant’Elia – che porta il nome del martire ucciso durante il periodo romano – è invece collocata l’ormai semidistrutta Torre del Poetto: edificata intorno al Diciassettesimo secolo, all’epoca del dominio aragonese, e facente parte di un complesso sistema di avvistamento, difesa e segnalazione che aveva lo scopo di controllare e proteggere le coste sarde dalle minacce provenienti dal mare e rappresentate, in particolar modo, dalle frequenti incursioni dei pirati saraceni.

Dalla fortificazione spagnola, anticamente chiamata anche Torre del Pozzetto di Sant’Elia (Torre del Pouhet), deriva il nome dell’intera area – denominata appunto pouhet oggi conosciuta come Poetto e rappresentante, insieme alla Sella del Diavolo che sovrasta l’omonima spiaggia bagnata dalle splendide acque del Golfo degli Angeli, uno dei simboli principali della città di Cagliari.

Potrebbe interessarti

Selvaggio Blu (Baunei)

Il Selvaggio Blu o Sentiero Blu è uno dei percorsi di trekking più famosi e suggestivi d’Europa, che si snoda fra le meravigliose coste...

Portu Cuau (Baunei)

Tra i fiordi del Golfo di Orosei c’è Portu Cuau (cuau in sardo significa “ nascosto ”), un insenatura a forma di serpente che...

Dune di Pistis (Arbus)

Le Dune di Pistis o di Is Arenas S’Acqua e S’Ollastu (in italiano “ dune di sabbia alla sorgente dell’olivastro ”) sono colline naturali...

Grotta del Fico (Baunei)

La Grotta del Fico si trova nel comune di Baunei, sulla costa dell’Ogliastra, nella Sardegna centro orientale. Si tratta di una delle attrazioni più...

La tua casa vacanze in Sardena


Villa dei Fiori, Villa Grande e Villa Gioia sono le case perfette per le vostre vacanze nel segno della privacy

La parola d’ordine è qualità, garantita dalla gestione pluriennale dei proprietari. Ingresso indipendentegiardino, vista mare e la spiaggia a soli 300 metri sono le caratteristiche che le rendono uniche, come l’attenzione ai dettagli

SCOPRI LE NOSTRE CASE VACANZE IN SARDEGNA

Questo si chiuderà in 0 secondi