Tempo per la lettura: 2 minuti
Camillo Bellieni

Camillo Bellieni nacque a Sassari il 31 gennaio del 1893 e trascorse la sua infanzia a Thiesi. Trasferitosi nuovamente a Sassari con la famiglia, frequentò il Liceo Classico Azuni insieme a Palmiro Togliatti e fin da giovane iniziò ad appassionarsi alla politica. Si iscrisse e si laureò nella facoltà di Giurisprudenza e in seguito nella facoltà di Filosofia a Roma. Nel 1913, dopo aver vinto il concorso di segretario capo della biblioteca della Scuola di ingegneria, si recò a Napoli.

Durante la prima guerra mondiale, Bellieni combatté come soldato semplice del 134° reggimento fanteria nella battaglia del Carso con la Brigata Sassari e, successivamente, divenne sottotenente nel 43° reggimento fanteria; durante i combattimenti sull’altipiano di Asiago, venne ferito e rimase invalido. Una volta ritornato in Sardegna, nel 1819, Camillo Bellieni costituì insieme ad Arnaldo Satta Branca una società dei reduci della trincea e diede il suo contributo per la formazione del Partito Sardo d’Azione, divenendone il primo direttore.

Dopo la guerra si dedicò all’insegnamento ma, a causa della sua opposizione al fascismo, venne sospeso dall’Università di Bologna e iniziò così a trasferirsi in diverse città italiane costretto a fare l’insegnante precario; nel 1943 fece ritorno in terra sarda dove lavorò come bibliotecario presso l’Università di Sassari. In seguito alla caduta del fascismo, Bellieni si oppose fortemente alla corrente socialista di Emilio Lussu e, una volta raggiunta l’età della pensione, abbandonò l’isola e si trasferì a Napoli, luogo in cui morì il 9 dicembre del 1975.

Il corpo di Camillo Bellieni venne successivamente riportato in Sardegna e sepolto nel cimitero comunale di Sassari, avvolto da una bandiera dei quattro mori. Tra le sue opere di maggior prestigio si ricordano in particolar modo: Attilio Deffenu e il socialismo in Sardegna (1925); La Sardegna e i sardi nella civiltà del mondo antico (1928-1931); La lotta politica in Sardegna dal 1848 ai giorni nostri (1962); L’attività diplomatica del Giudice di Sardegna intorno alla metà del secolo 9 d.C. (1963); La Sardegna e i sardi nella civiltà dell’alto medioevo (1973) ed Eleonora D’Arborea (1978).

Potrebbe interessarti

Salvatore Mereu

Salvatore Mereu è un regista italiano nato a Dorgali, in provincia di Nuoro, nel 1965. La sua formazione cinematografica inizia all’Università di Bologna, e...

Matteo Boe

Dopo Graziano Mesina, Matteo Boe è considerato tra i più famosi banditi di Sardegna, conosciuto soprattutto per la rocambolesca evasione dal carcere dell’Asinara, avvenuta...

Liliana Cano

Liliana Cano è nata a Gorizia, da famiglia sarda, il 10 ottobre del 1924. Dopo aver portato avanti i suoi studi presso l’Accademia Albertina...

Graziano Mesina

Graziano Mesina, conosciuto anche come Grazianeddu, è nato ad Orgosolo il 4 aprile del 1942 ed è senza ombra di dubbio il bandito sardo...

Salvatore Niffoi

Salvatore Niffoi è nato a Orani, in provincia di Nuoro, nel 1950. Dopo gli studi primari e superiori si è laureato in Lettere a...

Piero Marras

Piero Marras è nato a Nuoro il 16 settembre del 1949 e ha iniziato a muovere i primi passi come musicista nella sua città...

La tua casa vacanze in Sardena


Villa dei Fiori, Villa Grande e Villa Gioia sono le case perfette per le vostre vacanze nel segno della privacy

La parola d’ordine è qualità, garantita dalla gestione pluriennale dei proprietari. Ingresso indipendentegiardino, vista mare e la spiaggia a soli 300 metri sono le caratteristiche che le rendono uniche, come l’attenzione ai dettagli

SCOPRI LE NOSTRE CASE VACANZE IN SARDEGNA

Questo si chiuderà in 0 secondi