Tempo per la lettura: 2 minuti
Cesare Cabras

Cesare Cabras nacque a Monserrato (Cagliari), centro principale dell’omonima Città Metropolitana il 13 novembre del 1886 da una famiglia della piccola borghesia rurale; durante la gioventù si dedicò alla vita di campagna e aiutò la famiglia nella cura dei campi. All’età di diciannove anni lavorò come apprendista presso la bottega dell’artigiano Giuseppe Conci e, un paio d’anni dopo, andò a studiare a Roma presso l’Accademia di Belle Arti, dove si diplomò all’età di ventisei anni.

Durante il periodo trascorso nella capitale, Cesare Cabras entrò in contatto con numerosi artisti dell’epoca e subì una forte influenza verista che manifestò in seguito anche nelle sue opere. Tra le sue realizzazioni più importanti si ricordano Il ritratto di vecchio – Ziu Seropiu, La visita dell’eremita e Il campionato del Giovedì Santo sul crocefisso a Soleminis.

Nel 1913 iniziò a frequentare la scuola serale di nudo presso l’Accademia inglese e conobbe il pittore genovese Gaudenzi; due anni più tardi, Cabras ritornò in terra sarda per curare l’azienda di famiglia e nel 1922 si trasferì a Teulada, dove rimase per circa otto anni. La cittadina del Sulcis-Iglesiente fu per Cabras un luogo di grandi ispirazioni, tra i dipinti che realizzò in quegli anni si ricordano in particolar modo Conversari, Abbeverata, Donne che lavorano al torrente, risalenti tutti al 1921, Pastorale, del 1926 e Tre oranti, del 1928.

Questi furono per Cesare Cabras anni di successi: ricevette numerosi premi e riconoscimenti e si spostò per tutta l’Italia; partecipò inoltre alla Biennale di Venezia, alla Quadriennale di Roma e alla mostra di Arte Italiana a Berlino. Cabras raggiunse l’apice del suo successo artistico proprio alla Biennale di Venezia del 1932, quando espose quattordici tele con il tema della mietitura, a cui fece seguito una serie di altri importanti e positivi riscontri.

Dopo la seconda guerra mondiale, l’Italia fu invasa da varie correnti artistiche e tra tutte spiccarono il cosiddetto “ Picassismo ” e il “ post-cubismo ”, correnti che non interessavano però e non si avvicinavano minimamente allo stile dell’artista sardo, collocato tra i pittori “ realisti ”. Cesare Cabras morì a Monserrato il 13 novembre del 1968.

Potrebbe interessarti

Salvatore Mereu

Salvatore Mereu è un regista italiano nato a Dorgali, in provincia di Nuoro, nel 1965. La sua formazione cinematografica inizia all’Università di Bologna, e...

Matteo Boe

Dopo Graziano Mesina, Matteo Boe è considerato tra i più famosi banditi di Sardegna, conosciuto soprattutto per la rocambolesca evasione dal carcere dell’Asinara, avvenuta...

Liliana Cano

Liliana Cano è nata a Gorizia, da famiglia sarda, il 10 ottobre del 1924. Dopo aver portato avanti i suoi studi presso l’Accademia Albertina...

Graziano Mesina

Graziano Mesina, conosciuto anche come Grazianeddu, è nato ad Orgosolo il 4 aprile del 1942 ed è senza ombra di dubbio il bandito sardo...

Salvatore Niffoi

Salvatore Niffoi è nato a Orani, in provincia di Nuoro, nel 1950. Dopo gli studi primari e superiori si è laureato in Lettere a...

Piero Marras

Piero Marras è nato a Nuoro il 16 settembre del 1949 e ha iniziato a muovere i primi passi come musicista nella sua città...

La tua casa vacanze in Sardena


Villa dei Fiori, Villa Grande e Villa Gioia sono le case perfette per le vostre vacanze nel segno della privacy

La parola d’ordine è qualità, garantita dalla gestione pluriennale dei proprietari. Ingresso indipendentegiardino, vista mare e la spiaggia a soli 300 metri sono le caratteristiche che le rendono uniche, come l’attenzione ai dettagli

SCOPRI LE NOSTRE CASE VACANZE IN SARDEGNA

Questo si chiuderà in 0 secondi