Tempo per la lettura: 2 minuti
Giovanni Maria Angioy

Giovanni Maria Angioy nacque a Bono, in provincia di Sassari, il 21 ottobre 1751. Secondo di quattro figli, perse i genitori in giovane età e fu affidato alle cure di uno zio materno che si occupò della sua educazione e formazione. Trasferitosi a Sassari per studiare al collegio Canopoleno e in seguito all’università, secondo alcune fonti si laureò nell’ateneo turritano nel 1771; altre fonti sostengono invece che, dopo un anno di teologia, fu inviato dallo zio a Cagliari e completò gli studi in legge presso l’università del capoluogo sardo.

Dopo la laurea, Giovanni Maria Angioy cominciò a fare pratica forense e nel 1772 intraprese, a soli ventuno anni, la carriera accademica come insegnante di Diritto civile. Divenuto inoltre magistrato, nel 1789 venne nominato Giudice della Reale Udienza. Otto anni prima della prestigiosa carica, sposò Anna Belgrano, una borghese che gli permise, grazie alle considerevoli disponibilità economiche, di sviluppare un progetto d’innovazione industriale che si può oggi considerare una premessa al socialismo utopistico: l’obiettivo era avere la massima resa economica migliorando le condizioni dei lavoratori.

Giovanni Maria Angioy maturò, al contempo, una sensibilità politica che lo portò a divenire un esponente importante dei progressisti antifeudali: rivendicò i diritti autonomistici dei sardi, sanciti nel 1718 dal trattato di Londra e sempre ignorati dai re sabaudi. Nonostante si respirasse anche in Sardegna un’aria rivoluzionaria che arrivava dalla Francia, la scelta politica di Giovanni Maria Angioy fu sempre moderata e aperta al dialogo.

In seguito all’assassinio di due funzionari piemontesi a Cagliari, nel 1794, la Sardegna entrò in uno stato di ribellione e in tutta l’isola vennero catturati più di cinquecento funzionari continentali per essere cacciati oltremare. In questo momento il potere governante era in mano alla Reale Udienza che, per placare gli animi, decise di mandare a Sassari Giovanni Maria Angioy, conferendogli la possibilità di esercitare il potere vicereale (Alternos).

Presto, però, Angioy si schierò apertamente dalla parte degli oppressi, opponendosi alle volontà del viceré; questo portò a una taglia per la sua cattura che lo vide costretto a imbarcarsi clandestinamente a Porto Torres, alla volta di Genova. Giovanni Maria Angioy morirà a Parigi nel 1808 insieme al suo sogno: l’autodeterminazione del popolo e della terra sarda.

Potrebbe interessarti

Salvatore Mereu

Salvatore Mereu è un regista italiano nato a Dorgali, in provincia di Nuoro, nel 1965. La sua formazione cinematografica inizia all’Università di Bologna, e...

Matteo Boe

Dopo Graziano Mesina, Matteo Boe è considerato tra i più famosi banditi di Sardegna, conosciuto soprattutto per la rocambolesca evasione dal carcere dell’Asinara, avvenuta...

Liliana Cano

Liliana Cano è nata a Gorizia, da famiglia sarda, il 10 ottobre del 1924. Dopo aver portato avanti i suoi studi presso l’Accademia Albertina...

Graziano Mesina

Graziano Mesina, conosciuto anche come Grazianeddu, è nato ad Orgosolo il 4 aprile del 1942 ed è senza ombra di dubbio il bandito sardo...

Salvatore Niffoi

Salvatore Niffoi è nato a Orani, in provincia di Nuoro, nel 1950. Dopo gli studi primari e superiori si è laureato in Lettere a...

Piero Marras

Piero Marras è nato a Nuoro il 16 settembre del 1949 e ha iniziato a muovere i primi passi come musicista nella sua città...

La tua casa vacanze in Sardena


Villa dei Fiori, Villa Grande e Villa Gioia sono le case perfette per le vostre vacanze nel segno della privacy

La parola d’ordine è qualità, garantita dalla gestione pluriennale dei proprietari. Ingresso indipendentegiardino, vista mare e la spiaggia a soli 300 metri sono le caratteristiche che le rendono uniche, come l’attenzione ai dettagli

SCOPRI LE NOSTRE CASE VACANZE IN SARDEGNA

Questo si chiuderà in 0 secondi