Azzera mappa
Basilica di Sant'Antioco di Bisarcio (Ozieri)

La Basilica di Sant’Antioco di Bisarcio è tra gli edifici sardi in stile romanico più grandi e importanti della Sardegna. Il primo impiantito risale al XI secolo, distrutto in parte da un incendio e completato poi nel 1174, anno della consacrazione. La facciata venne ulteriormente rimaneggiata nel XIII secolo con l’aggiunta di un portico in stile borgognone. Oggi appare divisa in due parti lungo l’asse orizzontale da una cornice aggettante.

La parte bassa, come già accennato, presenta un portico con tre archi a tutto sesto, uno dei quali aperto a bifora con alla base un leone. L’arco centrale conduce al narcete caratterizzato da sei campate voltate a crociera e sorrette da pilastri a forma di croce. Sul lato destro del narcete vi era una scala che portava agli appartamenti privati dell’allora vescovo di Bisarcio. Le stanze sono corredate di altare e di un caminetto a forma di mitria. Lungo le pareti laterali vi sono diverse monofore e nella parte alta sono decorate da una teoria di archetti con peducci.

Attraversando il narcete si accede alla chiesa, che presenta tre navate. La centrale conserva la copertura a carpiate lignee, mentre le laterali sono voltate a crociera. La chiesa termina con un’abside semicircolare che all’esterno è decorato da lesene e da archi a tutto sesto con monofore a losanga. Sempre all’esterno si possono osservare i resti della torre campanaria a base quadrata.
Oltre alla Basilica di Sant’Antioco di Bisarcio nel comune di Ozieri si può visitare il museo Diocesano d’Arte Sacra, il museo Taverna dell’Aquila, il civico museo Archeologico, il nuraghe Burghidu, e la Fontana Grixoni.

Dove si trova

La Basilica di Sant’Antioco di Bisarcio è situata nel territorio del comune di Ozieri, in provincia di Sassari.

Come arrivare alla Basilica di Sant’Antioco di Bisarcio

Per raggiungere la Basilica di Sant’Antioco di Bisarcio, partendo dal municipio di Ozieri in via Vittorio Veneto, si deve procedere in direzione est, verso piazza Giuseppe Garibaldi, entrando così in SS132. Dopo un chilometro si continua su SP1. Si procede per 6,7 chilometri, si attraversa la rotonda e si continua su SP63. Si mantiene la destra, per restare su SP63, e dopo 450 metri si svolta a destra e si torna in SP1. Dopo 2,9 chilometri si svolta a destra, in SP67, e si continua per 2,8 chilometri. Si svolta quindi a sinistra e dopo 550 metri si è arrivati a destinazione.