Tempo per la lettura: 2 minuti
Gioielli Sardi

Tra le produzioni tipiche dell’artigianato sardo, quella orefice ricopre indubbiamente un ruolo di notevole importanza, sia da un punto di vista simbolico sia per l’aspetto puramente artistico. La lavorazione di gioielli sardi ha infatti origini molto antiche, documentate dal ritrovamento di monili e accessori in moltissimi scavi archeologici, ed è allo stesso tempo quella che più di tutte ha subito nel corso dei secoli trasformazioni e contaminazioni derivanti dalle influenze esterne.

I gioielli sardi vengono oggi maggiormente utilizzati come ornamenti dei costumi tradizionali, in occasione delle numerose manifestazioni folkloristiche in cui vengono indossati: più pregiati sono gli abiti, soprattutto nelle loro varianti festive e di gala, più ricchi saranno i gioielli.

Il metallo maggiormente utilizzato per la realizzazione degli accessori è l’argento, seguito dall’oro e dalla filigrana – lavorata da maestri orafi di straordinaria bravura e spiccata fantasia –, in cui vengono spesso incastonati elementi di corallo, ossidiana e altre pietre preziose.

Tra gli accessori che comprendono il corredo di gioielli sardi spiccano, tra tutti, i bottoni e i gemelli utilizzati per chiudere il colletto e le maniche della camicia; le collane, i ciondoli e i medaglioni; gli anelli, tra i quali si distingue la caratteristica fede sarda; gli orecchini; le spille fissate nel copricapo e nella blusa e gli amuleti che, secondo la tradizione, hanno lo scopo di proteggere dal malocchio e dalla negatività.

L’amuleto sardo per eccellenza è probabilmente la pietra tonda di ossidiana incastonata nell’argento (chiamata su coccu o sa sabegia in base all’area geografica in cui viene realizzata) che, secondo la leggenda, si spacca quando è satura di influssi negativi, assolvendo quindi il suo compito e proteggendo chi la indossa.

Per ammirare l’eccezionale e inimitabile corredo di gioielli sardi è sufficiente recarsi nei numerosi atelier orafi presenti in moltissime località della Sardegna o assistere alle diverse rassegne in cui vengono sfoggiati in tutto il loro splendore; tra le più importanti si ricordano la Cavalcata Sarda di Sassari, il Redentore di Nuoro e la Sagra di Sant’Efisio a Cagliari.

Potrebbe interessarti

Tessuti e Ricami Sardi

Stoffe, arazzi, tende, tovaglie e tappeti sono solo alcuni dei manufatti tessili realizzati in quella grande filiera che rappresenta una delle più antiche tradizioni...

Legno e Sughero

Forse non tutti sanno che la Sardegna è la regione italiana che garantisce, pressoché integralmente, la produzione di sughero dell’intera penisola; lavorazione che, insieme...

Intreccio Sardo

L’intreccio sardo rappresenta una delle attività più antiche e caratteristiche nella tradizione dell’artigianato sardo ed è tuttora praticato da cooperative di artigiani in diverse...

Coltelli Sardi

I coltelli sardi, chiamati in dialetto comunemente leppe o (a seconda della zona geografica) resolze in sardo logudorese e arresojas nella variante campidanese, sono...

Ceramica Sarda

Non vi è museo archeologico in Sardegna che non esponga al suo interno oggetti e reperti in ceramica, risalenti addirittura alla preistoria. Perlopiù terrecotte...

La tua casa vacanze in Sardena


Villa dei Fiori, Villa Grande e Villa Gioia sono le case perfette per le vostre vacanze nel segno della privacy

La parola d’ordine è qualità, garantita dalla gestione pluriennale dei proprietari. Ingresso indipendentegiardino, vista mare e la spiaggia a soli 300 metri sono le caratteristiche che le rendono uniche, come l’attenzione ai dettagli

SCOPRI LE NOSTRE CASE VACANZE IN SARDEGNA

Questo si chiuderà in 0 secondi