Tempo per la lettura: 2 minuti
Stagno di Molentargius (Cagliari)

Lo Stagno di Molentargius, che deve il suo nome ai conduttori di asini utilizzati per trasportare il sale (in sardo campidanese is molentargius), è situato nel Golfo degli Angeli, più precisamente tra la spiaggia del Poetto e le città di Cagliari e Quartu Sant’Elena, e rappresenta una delle riserve naturali più importanti della Sardegna e dell’intero continente.

L’area stagnale di Molentargius comprende nel suo territorio anche lo Stagno di Quartu e le Saline di Cagliari; una delle attività maggiormente praticate nella zona, fin dai tempi antichissimi, era infatti l’estrazione del sale, che costituiva una risorsa di fondamentale importanza economica e che venne interrotta nel 1984 a causa del progressivo inquinamento derivante dai comuni limitrofi.

La riserva naturale comprendente lo stagno di Molentargius è tuttora abitata da un numero elevato di specie faunistiche, tra cui spiccano in modo particolare gli uccelli acquatici come il fenicottero rosa (sa genti arrubia), dal collo lungo e il becco ricurvo – vero e proprio emblema del capoluogo sardo –, il falco di palude, l’airone, la gallinella d’acqua, il cormorano; ma anche rettili e anfibi come la biscia d’acqua, la tartaruga palustre, la raganella sarda e il rospo smeraldino.

Lo stagno, che occupa un’area depressa dalle origini ambigue, è alimentato da alcuni canali che raccolgono le acque marine e piovane, facendole confluire in due grandi bacini denominati Bellarosa Maggiore e Bellarosa Minore, che consentono a loro volta un ricambio idrico costante, scongiurando in questo modo la graduale estinzione dell’oasi.

Lungo i bacini dello stagno di Molentargius nasce e si sviluppa una densa vegetazione costituita prevalentemente da alghe, canneti e oltre un centinaio di elementi di notevole varietà.

Per salvaguardare la biodiversità e la ricchezza del suo ecosistema, l’area dello stagno è sottoposta a tutela e classificata come sito di importanza comunitaria (SIC), zona di protezione speciale (ZPS) e zona umida di importanza internazionale secondo quanto stabilito dalla Convenzione di Ramsar; dal 1999, l’intero territorio è inoltre inserito in un parco istituito con legge regionale e denominato Parco Naturale Regionale Molentargius – Saline.

Potrebbe interessarti

Selvaggio Blu (Baunei)

Il Selvaggio Blu o Sentiero Blu è uno dei percorsi di trekking più famosi e suggestivi d’Europa, che si snoda fra le meravigliose coste...

Portu Cuau (Baunei)

Tra i fiordi del Golfo di Orosei c’è Portu Cuau (cuau in sardo significa “ nascosto ”), un insenatura a forma di serpente che...

Dune di Pistis (Arbus)

Le Dune di Pistis o di Is Arenas S’Acqua e S’Ollastu (in italiano “ dune di sabbia alla sorgente dell’olivastro ”) sono colline naturali...

Grotta del Fico (Baunei)

La Grotta del Fico si trova nel comune di Baunei, sulla costa dell’Ogliastra, nella Sardegna centro orientale. Si tratta di una delle attrazioni più...

La tua casa vacanze in Sardena


Villa dei Fiori, Villa Grande e Villa Gioia sono le case perfette per le vostre vacanze nel segno della privacy

La parola d’ordine è qualità, garantita dalla gestione pluriennale dei proprietari. Ingresso indipendentegiardino, vista mare e la spiaggia a soli 300 metri sono le caratteristiche che le rendono uniche, come l’attenzione ai dettagli

SCOPRI LE NOSTRE CASE VACANZE IN SARDEGNA

Questo si chiuderà in 0 secondi