Azzera mappa
Portu Cuau (Baunei)

Tra i fiordi del Golfo di Orosei c’è Portu Cuau (cuau in sardo significa “ nascosto ”), un insenatura a forma di serpente che cela con pareti di roccia e rigogliosa macchia mediterranea la spiaggetta di Cala Tramontana, formata da grandi massi.

Porto Cuau è l’ultima tappa delle escursioni in gommone che partono dal porto di Cala Gonone, e che toccano siti naturali meritevoli di visita come Cala Goloritzè, Cala Mariolu e la spiaggia delle Piscine di Venere. Il fondo del fiordo è di media profondità, e presenta scogli che affiorano da acque turchesi e cristalline; la sua formazione è dovuta all’accumulo di sedimenti portati dal mare per millenni lungo il Bacu Maore, l’alta parete presente alle spalle del porto.

Portu Cuau è meta prediletta dagli amanti del diving e della pesca subaquea, ed è raggiungibile solo via mare o con un trekking di media difficoltà, percorrendo i sentieri del Selvaggio Blu con l’aiuto di una guida esperta. Il sentiero a piedi parte dal Supramonte di Baunei, comune cui Porto Cuau appartiene.

Si narra che il fiordo fungesse da rifugio per le imbarcazioni, che potevano nascondersi all’ombra di Punta Sa Poada, il promontorio che chiude l’insenatura a sud. Al largo del fiordo si trova i relitto di un imbarcazione affondata nel 1963.

Dove si trova

Il fiordo è situato in località Portu Cuau presso il comune di Baunei (provincia di Nuoro).

Come arrivare a Portu Cuau

È possibile raggiungere il fiordo con le escursioni in gommone in partenza da Cala Gonone, Arbatax o Santa Maria Navarrese. Il percorso a piedi è lungo sei chilometri, inizia dal Supramonte di Baunei e prosegue per la gola di Bacu Maore. Durante il tragitto è possibile ammirare il nuraghe Coa Serra.

 

Warning: array_merge(): Argument #2 is not an array in /web/htdocs/www.casavacanzesardegna.it/home/wp-content/themes/zaki/single.php on line 59
 
   
 
 

Rimani aggiornato...

Newsletter

Seguici su...