Nei musei della Sardegna sono raccolti reperti archeologici di inestimabile valore, documenti e testimonianze di epoca nuragica, romana, ma anche greca e punica. Più che mai in Sardegna il museo non è solo il luogo in cui si custodisce e ricostruisce la storia, ma anche il luogo in cui si mettono in mostra le tradizioni e tutti gli elementi identitari del popolo sardo, dai costumi tipici agli strumenti musicali fino agli attrezzi utilizzati in epoche remote da pastori, agricoltori e dai maestri della lavorazione del cuoio.

Così, troviamo vicino Carbonia e Iglesias i musei del Parco Geominerario Storico e Ambientale, testimoni degli anni d’oro (ma anche di decadenza) delle miniere, a Nuoro, c’è il Museo della Vita e delle Tradizioni Popolari Sarde, come la casa natale del Premio Nobel Grazia Deledda, fino ai piccoli e interessantissimi Musei della Magia, in cui scoprire un’isola fatta di sortilegi e di medicina naturale, realizzata con erbe selvatiche e formule arcane. La Sardegna racchiude nei musei la scienza, la storia e la tradizione, e visitare una sola mostra non può escludere le altre, soprattutto se riguardano scoperte più recenti e note a livello mondiale come le statue dei Giganti di Mont’e Prama.

Navigando su My Sardinia puoi trovare tutti i musei della Sardegna, le opere e i reperti custoditi, sapere in un istante dove si trovano e come raggiungerli. L’utilizzo di Google Maps è essenziale per avere una panoramica delle mostre da non perdere, ecco perché My Sardinia fornisce una mappa virtuale dell’isola collegata a Google Maps, con la quale individuare dove ti trovi e i musei più vicini a te. Gli appassionati di storia e archeologia potranno utilizzare i link delle città e dei paesi della Sardegna per creare un vero e proprio itinerario delle mostre più interessanti.


Museo Faunistico di Neoneli

 Museo Faunistico di Neoneli

Il Museo Faunistico di Neoneli, conosciuto anche come Museo Naturalistico dell'Oasi di Assai, è stato allestito all'interno dell'Oasi di Assai in un contesto ambientale e naturale di grande bellezza. Il territorio, di natura granitica, è punteggiato da vaste distese di sugheri, lecci e macchia mediterranea. Questa natura lussureggiante è la patria d'elezione del cervo e... [continua]

 
Museo di Etnografia Peppetto Pau (Nurachi)

 Museo di Etnografia Peppetto Pau (Nurachi)

Il Museo di Etnografia Peppetto Pau, gestito dal comune di Nurachi e dal M.A.R.E., è stato inaugurato per rendere omaggio alla figura di Peppetto Pau, cittadino oristanese nato nel 1915 e scomparso nel 1989. Fu soprannominato “ l'usignolo dolce ardente del Sinis, il fido custode del sacro, dei miti della sua Terra ” dal suo amico pittore... [continua]

 
Museo dell’Ossidiana (Pau)

 Museo dell’Ossidiana (Pau)

Il Museo dell'Ossidiana è stato inaugurato nel 1999 e oggi è gestito dall'Associazione Culturale Menabò. Il museo nasce dalla volontà di diffondere l'importanza dell'ossidiana, una pietra vulcanica che in Sardegna si trova unicamente nella zona del Monte Arci, un antico vulcano inattivo. L'ossidiana è la pietra per eccellenza delle popolazioni nuragiche, che la utilizzarono per... [continua]

 
Museo dell’olio Giorgio Zampa (Cuglieri)

 Museo dell’olio Giorgio Zampa (Cuglieri)

Il Museo dell'olio Giorgio Zampa è stato il primo museo in Sardegna interamente dedicato alla produzione dell'olio di oliva, vanto della regione storica del Montiferru. Il museo è dedicato all'agronomo Giorgio Zampa, che aprì il primo frantoio meccanico a Cuglieri nel 1937 in sostituzione del precedete frantoio a traino animale, già appartenente alla sua famiglia... [continua]

 
Museo Turcus e Morus (Gonnostramatza)

 Museo Turcus e Morus (Gonnostramatza)

Il Museo Turcus e Morus delle incursioni barbaresche in Sardegna, gestito dalla Società Cooperativa Serzela, è ospitato in quello che un tempo era il Monte Granatico, ossia i magazzini gestiti da uomini di chiesa nei quali veniva conservato il grano in previsione di scarso raccolto, o per aiutare i più bisognosi. La sede si sviluppa... [continua]

 
Museo della Statuaria Preistorica (Laconi)

 Museo della Statuaria Preistorica (Laconi)

Il Museo della Statuaria Preistorica in Sardegna, conosciuto anche come Menhir Museum, è stato allestito nella bella cornice di Palazzo Aymerich, una dimora progettata dall'architetto Gaetano Cima nell'Ottocento e che fu abitato dagli ultimi marchesi di Laconi. All'interno del palazzo si possono ancora ammirare pregiati arazzi e soffiti affrescati con motivi campestri, rurali e inerenti... [continua]

 
Museo del Gioiello e del Costume Sardo (Milis)

 Museo del Gioiello e del Costume Sardo (Milis)

Il Museo del Gioiello e del Costume Sardo è stato allestito all'interno di Palazzo Boyl nel centro del comune di Milis. Si tratta di un notevole esempio di architettura nobiliare di gusto neoclassico, con una bella facciata rosso mattone e colonne bianche ornate da capitelli con volute o statue. Il palazzo era di proprietà della... [continua]

 
Museo del Cavallino della Giara (Genoni)

 Museo del Cavallino della Giara (Genoni)

Il Museo del Cavallino della Giara, gestito dal P.AR.C. di Genoni (Paleo Archeo Centro), è stato realizzato all'interno di un'abitazione tipica genonese sapientemente ristrutturata, e si prefigge lo scopo di diffondere e preservare due importanti aspetti del territorio: la razza del Cavallino della Giara e gli usi e i costumi locali. Il Cavallino della Giara... [continua]

 
Museo Archeologico Etnografico Palazzo Atzori (Paulilatino)

 Museo Archeologico Etnografico Palazzo Atzori (Paulilatino)

Il Museo Archeologico Etnografico Palazzo Atzori è stato allestito all'interno di un'elegante palazzina del Diciottesimo secolo, con mura realizzate con mattoni a vista, un balconcino centrale che sovrasta l'ingresso decorato da un arco a tutto sesto poggiante su lesene e terminante con una teoria di finestre anch'esse ad arco a tutto sesto e una torretta... [continua]

 
GeoMuseo Monte Arci (Masullas)

 GeoMuseo Monte Arci (Masullas)

Il GeoMuseo Monte Arci, o Museo Mineralogico e Paleontologico, è stato allestito all'interno dell'ex convento dei Frati Cappuccini di Masullas, alla periferia del centro abitato. Il contesto architettonico, risalente al XVII secolo, è ricco di storia e di fascino. Si possono ancora ammirare i muri in pietra a vista e, nel cortile del chiostro, una... [continua]

 
 

Rimani aggiornato...

Newsletter

Seguici su...